Archivi tag: joona linna

Nella mente dell’ipnotista

Capolavoro. Leggetelo.

Oh scusate, dimenticavo le buone maniere!
Buongiorno a tutti, oggi, a pochi minuti dalla fine della lettura, vi presento il nuovo romanzo dei coniugi Lars Kepler: Nella mente dell’ipnotista.

nella-mente-dellipnotista

Il romanzo vede il ritorno dell’ipnotista protagonista del loro primo romanzo, ma, se possibile, messo ancora peggio dell’altra volta!

Il perché ve lo svelerà tra poco la trama, ma vorrei intanto sottolineare la mastria con cui gli scrittori hanno riportato al centro della scena Erik Maria Bark, restando fedeli al personaggio presentato nel primo romanzo, ma riproponendolo in una veste del tutto nuova, imprevedibile e mai banale.
I coniugi Lars Kepler non hanno però di certo dimenticato di aggiornarci sulla vita del nostro amico Joona Linna, che avevamo lasciato in sospeso nel precedente romanzo “L’uomo della sabbia“.
Anche per lui hanno cucito una pelle del tutto nuova, anche se coerente con il percorso che abbiamo potuto seguire lungo la serie di romanzi che l’hanno visto protagonista indiscusso.

Vi lascio ora alla trama così iniziate a capirci qualcosa anche voi:

“Si chiama Erik Maria Bark ed è l’ipnotista più famoso di Svezia. È a lui che si rivolge la polizia quando un testimone è sotto shock e non parla. Adesso c’è un paziente che ha bisogno di lui: Björn è l’unico a sapere cos’è successo veramente in casa sua, cosa è accaduto a sua moglie, Susanna, e quali siano le tracce che lui stesso ha inavvertitamente cancellato. Sa tutto, ma non riesce a ricordare. E Björn deve ricordare, in fretta. Perché Susanna è solo l’ultima vittima di un killer che sta terrorizzando Stoccolma e che presto colpirà di nuovo. Il killer osserva, assedia. Filma tutto e invia il video alla polizia, come per sfidare le forze dell’ordine. Poi entra in casa, insegue le vittime stanza dopo stanza, e uccide. Perché è la morte in persona, e ha la certezza di essere inafferrabile. Erik Maria Bark è l’unica persona in grado di scovare, nella mente di Björn, degli indizi che permettano di fermare la strage. Quello che Erik non sa è che durante l’ipnosi emergeranno dei dettagli che lo riguardano. Dettagli del suo passato. Dettagli incriminanti. Quello che Erik non sa è che l’unica persona che si fidava di lui, l’unico poliziotto capace di raccogliere la sfida del killer, non può più aiutarlo. Il poliziotto si chiama Joona Linna ed è scomparso nel nulla da un anno. È stato dichiarato morto dalle autorità. E l’ipnotista deve affrontare da solo l’orrore che si annida nella sua stessa mente.”

Personalmente credo che non sia mai esistita al mondo trama più fuorviante di questa, ma forse è anche grazie a questo che il romanzo risulta assolutamente sorprendente in ogni sua parte.

Ambienti, personaggi, fatti e ipotesi si susseguono trasformandosi e lasciando posto ad altri con ritmo incalzante, che spinge a divorare il libro in pochi giorni, ma nonostante questo, al termine, vi sembrerà che sia durato settimane per la varietà e la ricchezza dei diversi scenari che avrete incontrato lungo questo percorso verso la verità.

Una verità che sfido a riconoscere in anticipo.

Insomma non so se si è capito, ma credo che “Nella mente dell’ipnotista” abbia scalato la mia personale classifica dei più bei romanzi di Lars Kepler, e forse anche dei più bei romanzi thriller in generale, restando secondo forse solo al mio beniamino Wulf Dorn con “La psichiatra“!

Se non temessi per la rovina totale della storia come fu per L’ipnotista pregherei per l’uscita del film!

Ma intanto pensiamo a quello che abbiamo, quindi buona lettura!

Anima.

Link:
Lars Kepler
Nella mente dell’ipnotista su Feltrinelli

Annunci

L’uomo della sabbia

Come anticipato e promesso nell’ultimo articolo, dedicato a La testimone del fuoco, sono tornata con uno dei miei libri preferiti di Lars Kepler: L’uomo della sabbia.

L'uomo della sabbia

Non so voi, ma io non conoscevo al momento della lettura chi fosse nelle fiabe popolari “l’uomo della sabbia”, o Sandman, per cui il libro mi è valso sia come thriller mozza fiato, sia come favoletta per la buonanotte… e che buonanotte!

In ogni caso visto che ora so dell’esistenza di questo mito vi spaccerò la mia sapienza dicendovi che non si tratta altro che di un omino del sonno, che di notte passa nelle case di tutti i bambini a spargere sui loro occhi della sabbia magica per fargli fare sogni felici.

E voi vi chiederete (o almeno mi auguro che lo facciate): ma cosa c’entra una credenza assimilabile al topolino dei denti o a Babbo Natale con un thriller dove si presume la gente faccia una brutta fine più che dei bei sogni? Ma dovreste aver ormai imparato che non sono qui per togliere dubbi, quanto per farveli venire!

Quindi torniamo al punto forte del romanzo, il serial killer di turno, che in questo libro è costruito in modo magistrale dai coniugi “Lars Kepler”, tanto che, nonostante sia già bello che rinchiuso in isolamento, riesce da solo a reggere le 524 pagine che compongono il libro.

Come questo sia possibile ve lo spiega la trama:

“Nel cuore di una notte d’inverno in cui la neve ricopre interamente Stoccolma, un ragazzo cammina lungo i binari di un ponte ferroviario sospeso sul ghiaccio, in direzione del centro. Perde sangue da una mano ed è in gravissimo stato di shock: nel suo delirio febbricitante, parla di un misterioso uomo della sabbia. Il ragazzo si chiama Mikael e risulta scomparso da dodici anni. Da sette è stato ufficialmente dichiarato morto. All’epoca dei fatti, dopo lunghe ricerche, tutti hanno preferito credere che Mikael fosse annegato insieme alla sorellina, Felicia, scomparsa lo stesso giorno, sebbene i corpi non siano mai stati trovati. Tutti tranne il commissario Joona Linna. Lui ha sempre saputo che i due fratelli sono tra le numerose vittime del più spietato serial killer svedese, Jurek Walter, l’uomo che lui stesso ha catturato anni prima. Da allora Jurek Walter è detenuto in regime di isolamento nell’unità di massima sicurezza dell’ospedale psichiatrico Lowenstromska. Non può parlare con nessuno ed è costantemente sedato, ma niente riesce a domarlo. Il male che abita in lui è animato da una furia incontrollabile. Con il ritorno di Mikael, però, tutto cambia. Nessun caso può considerarsi chiuso. E Felicia potrebbe essere ancora viva… L’unico a sapere la verità è Walter, l’unico uomo forse in grado di essere più pericoloso dietro le sbarre che da libero. Qualcuno deve introdursi nell’ospedale e conquistarsi la fiducia del serial killer, sperando di indurlo a parlare. E, soprattutto, sperando di sopravvivergli…”

E così si aggiunge anche un altro pezzettino della storia passata dell’immancabile Joona Linna che si sta costruendo piano piano nel succedersi dei romanzi…

Vi ho messo almeno un po’ di curiosità? Spero di sì! In tal caso andate e leggetene tutti!

A presto

Anima.

ps. Vi do una recentissima notizia a me molto gradita, ma che spero lo sia anche per voi: a gennaio 2015 esce il nuovo romanzo di Lars Kepler: Stalker, per noi italiani “Nella mente dell’ipnotista“.

Link:
Lars Kepler
L’uomo della sabbia su Feltrinelli

La testimone del fuoco

Torno alla carica con un libro del mio ormai secondo amore: Lars Kepler, che abbiamo già incontrato con L’Ipnotista.

Si parla quindi ancora una volta di thriller psicologi, purtroppo i libri sulle streghe mi tocca centellinarli perché me ne sono rimasti ben pochi di buona qualità e, viste due recenti fregature, direi che non è neanche facile rinfoltire ormai… Piuttosto se avete qualcosa del genere da consigliarmi fatevi avanti!

Dicevo insomma che oggi vi presento un altro libro di Lars Kepler e più precisamente La testimone del fuoco.

la_testimone_del_fuoco

A dire la verità questo è un passaggio semi-obbligato per presentarvi il prossimo libro, “L’uomo della sabbia“, che viene da questo introdotto. Dico “semi” perché io in realtà li ho letti nell’ordine inverso, non è successo niente di grave, se non che per buoni 10 minuti ero convinta che il serial killer di turno fosse tornato, invece semplicemente ero io che avevo anticipato i tempi.

Comunque sia “La testimone del fuoco” e “L’uomo della sabbia”, sono per ora gli eletti a migliori libri di Lars Kepler nella mia classifica personale e questo perché mettono rispettivamente uno una gran confusione in testa, l’altro una grande ansia e entrambi un ottimo colpo di scena finale.

Ma come sempre direi di passare ora alla trama:

“Flora ha visto tutto, ma nessuno le crede. La ragazza è morta, qualcuno l’ha uccisa. Aveva solo quattordici anni, si chiamava Miranda ed è stata ritrovata nella sua camera a Birgittagarden, la casa di recupero per ragazze in difficoltà a Sundsvall, a nord di Stoccolma. Le pareti sono schizzate di sangue, le lenzuola ne sono intrise. Nessuna delle altre ragazze sa che cosa sia successo, ma una di loro è fuggita nella notte. Flora non sa chi indagherà sull’omicidio, non sa che l’ispettore Joona Linna sta per ispezionare la peggiore e più indecifrabile scena del crimine della sua carriera, non sa che solo Joona può sperare di scovare qualche indizio. Flora sa soltanto di aver visto la ragazza. Sa di aver visto l’arma del crimine che nessuno riesce a trovare. Sa che cosa è successo. Ma la polizia non le crede, per una semplice ragione. Al momento dell’omicidio, Flora era a centinaia di chilometri di distanza. Eppure Flora è certa di aver ragione. Lei ha visto. Perché lei è una medium.”

Inizialmente il fatto della medium mi aveva spinto a non dargli un soldo di fiducia, ma come vi dico ormai dall’inizio di questo percorso da blogger, i libri che in principio non mi filo sono sempre quelli che mi sorprendono di più. Questa la dice lunga sulla mia capacità di giudizio immagino…

In ogni caso, medium a parte, La testimone del fuoco ha tutti gli ingredienti che personalmente ritengo necessari al successo di un thriller psicologico: un discreto numero di morti ammazzati, una buona dose di pazienti psichiatrici, un investigatore a cui Jessica Fletcher in persona stringerebbe la mano e, punto forte, l’insospettabile.

Insomma non fate i preziosi come me, lasciatevi sorprendere e fatevi questo viaggetto da niente in Svezia ancora per una volta… e poi per un’altra ancora, ma questa è un’altra storia che vi racconterò nel prossimo appuntamento!

Buona lettura

Anima.

Link:
Lars Kepler
La testimone del fuoco su Feltrinelli