Follia profonda

Volevo fare la brava, essere equa e democratica nei confronti degli autori che presento, ma proprio non ce la faccio, perdonatemi. Io devo assolutamente tornare a Wulf Dorn e presentarvi anche il suo terzo romanzo, ora, subito, perché è una droga capite? Non posso farci niente!

Il libro che mi sta perseguitando nei sogni (scherzo, dormo che è una meraviglia!) chiedendomi di essere portato alla luce ha un titolo che, come molti di voi avranno pensato leggendo le poche righe fin qui scritte, rispecchia discretamente il mio stato attuale: Follia profonda.

follia_profonda

Il maggior pregio di questo libro è di sfiorare la perfezione di psico-thriller ansiogeno raggiunta da La Psichiatra. Il maggior difetto è di alzare troppo l’asticella delle vostre aspettative per i futuri libri. Secondo me Wulf facendo questi due capolavori si è messo proprio nella merda da solo… Ho detto merda? Oh scusate, mi faccio prendere troppo la mano quando presento i miei cuccioli!

Comunque per iniziare a farvi entrare nella storia, avete presente la mia morbosa ossessione per Wulf Dorn? Ecco, il protagonista del romanzo, di nuovo Jan Forstner (che abbiamo già incontrato ne Il superstite) questa volta è vittima di una stalker come me… no scherzo, ma l’idea sembra sia venuta a Wulf dopo aver trovato una rosa davanti alla porta della sua stanza d’albergo, un gesto che raramente viene fatto verso un uomo e che lo ha un po’ inquietato. Per chi se lo stesse chiedendo, no, non gliel’avevo mandata io, semplicemente uno si era sbagliato numero della stanza, ma che Dio (o chiunque altro) lo benedica per avergli ispirato questo romanzo, di cui ora vi riporto la trama:

“Un mazzo di bellissime rose rosse senza biglietto. Un inquietante disegno sotto il tergicristallo dell’auto… Lo psichiatra Jan Forstner è l’oggetto delle attenzioni insistenti di una sconosciuta. All’inizio pensa si tratti semplicemente dei sentimenti innocui di una paziente. Ma quanto un amico giornalista, che stava per fargli delle rivelazioni sconvolgenti che lo riguardavano da vicino, viene trovato barbaramente ucciso, Forstner comincia a temere di essere il bersaglio finale di una pazza omicida. Una stalker che non si ferma davanti a nulla pur di ottenere ciò che vuole. E ciò che vuole è lui, Jan, per sempre…”

Abbattiamo lo stereotipo che vede solo le donne vittime di stalking, questo poveraccio si ritrova proprio in una gran brutta storia e sfido qualunque maschietto spavaldo a non sentirsi preda nelle situazioni che… non ho alcuna intenzione di descrivervi perché vi dovete leggere il libro!

A me arrivò in regalo per la laurea triennale in psicologia, in fondo dopo tre anni passati a studiare la mente, come prima cosa il giorno dopo la discussione della tesi non vi leggereste anche voi un bel libro su una pazza omicida?

Buona ansiosissima lettura

Anima.

Link:
Wulf Dorn
Follia profonda su Feltrinelli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...